Come prenderti cura della tua Alocasia

Questa rubrica risponde a tutte le domande sulla Alocasia che ho ricevuto su Instagram

In questo post troverai indicazioni chiare sulla cura della Alocasia. Come deve essere il terreno? Di quanta luce ha bisogno? Qual è il luogo migliore della casa dove sistemarla? Come pulisco le foglie?

La mia Alocasia ha le punte delle foglie secche, cosa posso fare?

L’Alocasia è una pianta che ama gli ambienti umidi. Le punte secche delle foglie possono essere causate da un ambiente troppo secco. Ricorda di spruzzare regolarmente le foglie e pulirle almeno una volta al mese con un panno umido.

Di quanta acqua ha bisogno?

Il terreno deve essere leggermente umido, soffre molto per i ristagni.

Ha bisogno di monta luce?

Non ama il sole diretto, cresce bene con luce diffusa.

La mia Alocasia sembra star bene ma non mette nuove foglie da mesi, è normale?

No panic! è normale che nei mesi invernali le piante da interno crescano meno. Con la Primavera e concimazioni regolari vedrai che tornerà a crescere e generare nuove foglie.

La mia pianta è spoglia e non più rigogliosa come quando l’ho acquistata, cosa faccio?

Se la luce e l’irrigazione sono corrette e la pianta è sana, allora è un problema di concime.
In Primavera ed Estate è importante concimare 2 volte al mese. In inverno le irrigazioni possono essere una volta al mese. Usa concime liquido completo (con macro e micro elementi) per piante da interno. Fai molta attenzione alle dosi, meglio non esagerare.

Quanto cresce?

È una pianta che cresce lentamente. Se si trova in condizioni ottimali da comunque molte soddisfazioni. Ricorda che se la parte aerea è sproporzionata rispetto al vaso che la contiene potrebbe avere una crescita stentata. Rinvasi regolari sono sempre necessari.

Come faccio ad eliminare il ragnetto rosso?

Il ragnetto rosso è un acaro molto fastidioso che si nutre della clorofilla delle foglie facendole ingiallire e poi accartocciare. Se guardi attentamente dovresti notare sottilissime ragnatele sulla pagina inferiore delle foglie. Se il problema è poco esteso prova con un batuffolo di cotone e sapone. Ricordati però poi di risciacquare bene la pianta per non lasciare residui.
Se il problema è fuori controllo meglio usare un insetticida specifico. Ricorda che nella newsletter tratto in modo approfondito tutti questi temi, se ti va, iscriviti.

Non riesco ad eliminare la Cocciniglia cotonosa

La cocciniglia cotonosa è facile da riconoscere. Solitamente è sulle pagine inferiori della foglia e si presenta come minuscoli batuffoli di cotone ed è appiccicosa. Anche in questo caso, se il problema è circoscritto, puoi toglierla manualmente con un batuffolo di cotone imbevuto nell’alcool, se più esteso e persistente usa un antiparassitario specifico e valuta l’idea di travasare la pianta.

Alcuni rami stanno ingiallendo, cosa devo fare?

Molto probabilmente è un problema di irrigazioni. Fai attenzione a non bagnare troppo, metti sempre un dito nel terreno prima di bagnarla. Assicurati inoltre che abbia abbastanza luce, questo permette di far asciugare il terreno in modo rapido senza rischiare marciume radicale.

È tossica per cani e gatti?

Si, è tossica per cani e gatti. Qui trovi un elenco di piante non tossiche per i tuoi animali domestici.

Alocasia Sanderiana | Consigli e cura

L’Alocasia, detta anche orecchie di elefante, è una pianta originaria delle zone tropicali del sud est asiatico anche se si può trovare anche nelle zone più temperate qui in Italia.
È una pianta che richiede qualche accortezza, non è complicata ma di certo bisogna imparare a conoscerla. Se sei alle prime armi, di sicuro sarà un buon allenamento per il tuo pollice verde. 

Trovi l’approfondimento su questa pianta nel post Alocasia Sanderiana | Consigli e cura

Se invece, vuoi approfondire con altre piante Le trovi qui

 

 


Fotografie: Davide Buscaglia

Styling: Valeria Icardi e Carlotta Berta

Piante: Yougardener